Nasce Nexo+, la piattaforma culturale on demand

È nata, lo scorso 10 marzo, Nexo+, la nuova piattaforma on demand che si distingue per i contenuti proposti, dedicati a un pubblico più esigente e appassionato: film d’autore, documentari, arte, musica, opera, balletto, teatro.

Questo innovativo progetto è stato ideato da Nexo Digital, la casa di produzione e distribuzione italiana che negli ultimi undici anni si è specializzata negli eventi digital al cinema, quali ad esempio La Grande Arte al Cinema, con il sostegno dei media partner Radio DEEJAY, Radio Capital, Rockol.it, Classic Voice, Danza & Danza, ARTE.it

di Francesca Ratti

La proposta che caratterizza Nexo+ è rappresentata da uno spiccato taglio culturale che la distingue da quelle già esistenti sul mercato, da una propria produzione e da un vero e proprio palinsesto, curato da una apposita redazione che dialogherà con i fruitori dell’offerta per capirne le esigenze e capitalizzarne i consigli.

L’abbonamento per Costellazioni, i quattro canali tematici

Con un abbonamento di 9,99 euro al mese, Nexo+ parte con un’offerta di 1500 ore di contenuti, 40 playlist ideate appositamente e in costante aggiornamento, quattro canali tematici denominati Costellazioni, realizzati in collaborazione con Elisabetta Sgarbi, Far East Film Festival, Feltrinelli Real Cinema e Scuola Holden.

Elisabetta Sgarbi

Alessandro Baricco Credits: ©LesAmpersands

Nove mondi Nexo+: da La Grande arte al cinema, passando per Musica e Storia

Il mondo di Nexo+ è suddiviso in nove mondi: La grande arte, con i musei, le mostre e gli artisti, Cinema, con film d’autore, Classica con opere, musica sinfonica, concerti dai più importanti palchi del mondo, Biografie, con le vite dei personaggi che hanno fatto la storia, Musica con i concerti e i protagonisti della grande musica pop e rock, italiana e internazionale, Storia con una selezione di documentari,  Danza con i protagonisti della danza classica e contemporanea, Current, con i temi di oggi, dalla sostenibilità ai diritti civili e all’inclusione, Performance con gli eventi on stage: spettacoli teatrali, concerti, balletti.

Feltrinelli Real Cinema_Bombshell – La storia di Hedy Lamarr

A tutto ciò si aggiungeranno in seguito, tra gli altri, altri mondi riguardanti l’architettura, il design, lo sport, il fashion, la fotografia, masterclass e formazione.

Feltrinelli Real Cinema_Vivian-Maier

«Come Nexo Digital siamo, per natura, degli sperimentatori – sottolinea l’ad di Nexo Digital, Franco di Sarro -. Sin dal 2010 ci siamo concentrati su programmazioni e contenuti totalmente diversi da quelli tradizionali delle sale cinematografiche. Oggi vogliamo confermare quell’impegno proponendo una piattaforma che possa distinguersi per tipologia di contenuti e scelta editoriale. Il nostro tempo libero, anche in periodo di Covid, sembra scarseggiare e non essere mai abbastanza. Per questo desideriamo presentare una piattaforma che permette di vivere il proprio tempo in modo semplice e immediato, senza il rischio di smarrirsi tra infinite proposte ma venendo accompagnati attraverso un catalogo ricco, organizzato in maniera fresca e innovativa».

«Nexo+ è, prima di tutto, qualcosa che prima non esisteva, e che mancava -aggiunge il direttore di Nexo+  Guido Casali – una collezione di meraviglie, vivace e luminosa, nata per portare a un pubblico di persone appassionato e curioso, il meglio della produzione italiana e internazionale di documentari, film e performance. Nexo+, come racconta il suo logo, è una  porta che si apre su una serie di mondi governati dall’amore per il bello, per l’arte e per le grandi storie, film d’autore e titoli cult, la grande arte, l’opera e il balletto, la musica classica, pop e rock, le biografie, i documentari su grandi temi dell’attualità e sulla storia antica e recente».

Tra le novità disponibili sulla piattaforma, la serie dedicata a Black Lives  Matter, i concerti di Salisburgo 2020, lo spettacolo di  Alessandro Baricco su Beethoven, il film Note di viaggio, su Francesco Guccini e Vaccini – Nove lezioni di Scienza, con Elisabetta Sgarbi.

Per la Giornata mondiale del teatro l’anteprima de Il terremoto di Vanja, Alla Ricerca di Checov

Il Terremoto di Vanja, Alla Ricerca di Cechov di Vinicio Marchioni

In occasione della Giornata Mondiale del Teatro, inoltre, debutterà il 27 marzo in anteprima esclusiva Il Terremoto di Vanja, Alla Ricerca di Cechov di Vinicio Marchioni con la voce narrante di Toni Servillo.

II docu-film, prodotto da Maurizio Vassallo e Pepsy Romanoff per la casa di produzione Except con la partecipazione di Anton e la collaborazione di Rai Cinema e Simone Isola, è un omaggio al teatro, ai suoi protagonisti e ai suoi spettatori, nell’attesa di poter tornare a ammirare gli spettacoli in presenza.

Vinicio Marchioni ci accompagna in un viaggio che, attraverso le prove e la tournée dello spettacolo tratto da Zio Vanja di Cechov, e la replica al Teatro ridotto de L’Aquila, ci porta nella provincia italiana distrutta dal terremoto e nei luoghi cari allo scrittore russo.

Vinicio Marchioni

Questo splendido documentario ha richiesto due anni di riprese nei maggiori teatri italiani, nelle zone terremotate di Onna, Poggio Picenza, L’Aquila, nella provincia marchigiana, e dieci giorni di intense riprese i Russia.

Lo spettatore ha così l’opportunità di scoprire il laboratorio creativo delle prove, il dietro le quinte del fare teatro di Marchioni, che insegue la sua passione/ossessione per Cechov esplorando i luoghi più importanti nella vita dello straordinario autore russo.

Ne Il Terremoto di Vanja, alla ricerca di Cechov, partendo dal capolavoro di Cechov, adattato per lo spettacolo nella provincia italiana distrutta dal terremoto, Marchioni, assieme a Milena Mancini e all’attrice Letizia Russo, indaga l’immobilità italiana post terremoto grazie allo sguardo tragicomico di Cechov, mostrando a agli spettatori la straordinaria forza umana dello scrittore e focalizzando l’attenzione sulle persone che ancora oggi, a distanza di dieci e tre anni, i scontrano con i danni subiti a causa di quei gravi accadimenti.

Da Il Terremoto di Vanja, alla ricerca di Cechov

Il film conduce il pubblico, per mezzo del dialogo ideale tra Marchioni e Cechov, la cui voce è prestata dal grande Toni Servillo, all’alternanza dei luoghi e delle situazioni, del bianco e nero e del colore, e dei contributi di Andrej Konchalovskij, Gabriele Salvatores e Fausto Malcovati, lungo un percorso multisfaccettato, all’interno del lavoro teatrale, nei luoghi del terremoto, nelle parole e nell’animo di Anton Cechov, mescolando generi e linguaggi.

Il Terremoto di Vanja, alla ricerca di Cechov racchiude in sé un atto d’amore per il teatro, la letteratura e verso gli esseri umani che hanno la capacità di resistere contro ogni avversità.

Post Author: Francesca Ratti

Francesca Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *