Ciak si suona! Quando musica e cinema si prendono per mano

Stasera 29 settembre e domani 30 settembre vi invitiamo a seguire gli ultimi due appuntamenti del festival di musica romano Ciak si suona! organizzato da Roma Sinfonietta. Questa sera il concerto dello Ialsax Quartet con ospite Andrea Morricone. Domani la chiusura del festival con il Karipuna Trio: un viaggio nella musica popolare brasiliana. Ecco il racconto dall’interno della cantante del Karipuna Trio Chiara Aurora Gagliano

di Chiara Aurora Gagliano*

Ah, che sarà, che sarà
Che vanno sospirando nelle alcove
Che vanno sussurrando in versi e strofe
Che vanno combinando in fondo al buio
Che gira nelle teste e nelle parole…

(Chico Buarque de Hollanda – Ivano Fossati)


Due sorelle, una antichissima e una giovanissima

Da quando il cinema è nato, la musica gli è stata accanto: la più giovane delle Muse, neonata, e la sorella maggiore, ben più antica, si sono prese per mano, e l’una in braccio all’altra hanno dato vita al movimento (come etimo vuole!) di immagini e suoni intrecciati. La musica è stata, per il cinema, più che un’ancella o un riempitivo: spesso si è fatta carico del portato emotivo delle scene, ha donato passione e intensità, creato un contrasto, reso immortale un momento. Ha fatto il suo bravo dovere di Musa, dando luce alle orecchie e suoni agli occhi.

Tra ricordi e condivisione di grandi narrazioni

La musica del cinema evoca, attrae e unisce, perché basta l’incipit di un motivo famoso per ritrovare ricordi e sentirsi parte delle grandi narrazioni condivise di questo tempo. È per questo che, per chi vive a Roma, segnalo una bellissima occasione di ascolto e di incontro tra musica e cinema: il festival Ciak si suona, organizzato da Roma Sinfonietta.

Ciak si suona! Rassegna di concerti dedicati alla musica per il cinema

Questa settimana sono in corso gli ultimi due appuntamenti.

Stasera, martedì 29 settembre, si terrà il concerto dello Ialsax Quartet, con brani tratti da colonne sonore di grandi compositori come Luis Bacalov, Astor Piazzolla, Ennio Morricone. Ospite della serata sarà il Maestro Andrea Morricone e, a conclusione del concerto, potrete vedere lo spettacolo di luci di Andrea D’Ambra e Matteo D’Addio.

Domani, mercoledì 30 settembre, ultimo giorno del festival, vi invito a un Viaggio nel mondo della musica popolare brasiliana, tra i ritmi di bossa nova e samba: quest’ultimo evento mi vedrà coinvolta in prima persona con il Karipuna Trio, e sarò lì per raccontarvelo.

Il Karipuna Trio in concerto

Il Viajem para o Brasil che offriremo al pubblico è un percorso a tappe: l’omaggio ad alcuni classici del cinema brasiliano si unisce ad altri tocchi di acquerello, per delineare un ritratto del Brasile di poche linee essenziali, attraverso la musica. Karipuna gioca con i ritmi, le parole e gli echi che esse creano, fino a stuzzicare la musica del grande cinema italiano, con un omaggio a Nino Rota ed Ennio Morricone.

I componenti del Karipuna Trio

Luogo e informazioni

Vi aspettiamo dunque ai Giardini Montemario, presso il piazzale dello Stadio Olimpico. I concerti iniziano alle 21, l’ingresso è gratuito.

Info e prenotazioni al numero 3478537213 o via mail: infopontemilvio@gmail.com.

* Chi è Chiara Aurora Gagliano

Sono nata all’ombra dell’Etna e cresciuta in riva al Mar Mediterraneo. A 19 anni, conclusi gli studi liceali al Gaetano Curcio di Ispica, volo verso la Toscana e raggiungo Pisa, dove studio Lettere Antiche presso la Scuola Normale Superiore e l’Università di Pisa.

Ho lavorato come editor e correttrice di bozze, e come insegnante privata di Italiano, Greco e Latino. Trovo lo studio della Letteratura la chiave per un dialogo infinito con il mondo, con il passato e con il futuro: ciò che è antico mi offre il ponte per ciò che sarà domani. Inoltre, credo nella cultura come grande foresta di molti semi. Tra questi, non coltivo soltanto l’ambito letterario: appassionata di cultura pop e di tutto ciò che è narrazione, adoro l’animazione (specialmente giapponese e americana, ma non solo) e le serie tv.

Ho la passione della lettura ad alta voce e del teatro, che sperimento grazie a diverse realtà: il Circolo LaAV di Pisa (frammento di una rete nazionale di lettori che fanno volontariato culturale), il Laboratorio di lettura corale del Teatro Sant’Andrea coordinato da Giulia Solano, Paolo Gervasi, Francesco Morosi (quando la lettura diventa tridimensionale, e molti lettori fanno un’orchestra), la compagnia Il Gabbiano (varia e variopinta!).
Dulcis in fundo, l’imprescindibile canto. Canto in particolare bossa nova e samba con i gruppi Adjá e Karipuna, insieme a Claudia Cusenza, Pino Marcogliese e Riccardo Neri: unendo i fili delle mie passioni, mi dedico soprattutto a trovare la connessione tra parola scritta e parola cantata, tra testo e ritmi.

Ogni componimento musicale è anche poesia. Per questo amo in modo particolare Chico Buarque e Vinicius de Moraes, mentre Tom Jobim è come un toccasana: lo ascolto quando voglio che tutto giri nel verso giusto.
Con il Coro Aeido scopro, con la guida del Maestro Marco Mustaro, le vie dell’armonia, del bel canto e della libertà.

Sono allieva di Labodif, Il laboratorio della differenza che ha per madri Giovanna Galletti e Gianna Mazzini.

Post Author: Valeria Cudini

Valeria Cudini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *